Riflessioni sul dolore

Vorrei porre l’attenzione sul concetto di dolore, in particolare riferendomi al capitolo denominato “Chiudere la porta” dell’interessante libro “Zen quotidiano” scritto da Charlotte Joko Beck. Il dolore spesso viene concepito come qualcosa da evitare, assumendo così una connotazione estremamente negativa. In un certo senso è proprio da esso che possiamo trarre la forza necessaria al miglioramento e all’autoanalisi, indispensabile nell’acquisizione della consapevolezza di noi stessi. Il dolore, in sintesi, non dovrebbe essere qualcosa da cui fuggire o cercare di nascondere, al contrario, il dolore andrebbe vissuto nella sua pienezza, così da poterne definire la sua funzione ben diversa da quella della sofferenza.

La libertà è strettamente connessa con il nostro rapporto con il dolore e la sofferenza. Vorrei riproporre una distinzione tra le due parole. Il “dolore” viene dall’esperire la vita così com’è, senza aggiunte né fronzoli. Possiamo anche chiamarla la “diretta esperienza della gioia”. La “sofferenza” è il tentativo di evitare, di fuggire l’esperienza diretta del dolore. La paura del dolore ci fa costruire una sovrastruttura egoica che pensiamo ci metta al riparo, e invece ci dà sofferenza. Libertà è disponibilità al rischio di essere vulnerabili, è apertura a tutto ciò che succede momento per momento, piacevole o doloroso. Ecco dove interviene la dedizione. Se sappiamo darci completamente, senza tentare di mettere niente in salvo e senza più volontà di evitare l’esperienza del momento presente, non c’è sofferenza. Se sperimentiamo totalmente il dolore, ecco la gioia.

Da un punto di vista più specifico Kenji Tokitsu scrive riguardo al dolore:

Quando ho smesso di colpire il makiwara*, ho cominciato a sentire un dolore vivo ai polsi, che è durato più di un anno. Poi il dolore è diminuito fino a cessare. Ho compreso più tardi che la circolazione del ki**, ostruita o frenata a causa di shock regolarmente subìti sui polsi, stava riprendendo; spesso questo processo si manifesta con un dolore. In quell’occasione, ho imparato che il dolore non è sempre una cosa negativa.

* Attrezzo comunemente impiegato sin dall’antichità nell’istruzione delle arti marziali.

**Energia “interna” del corpo umano.

<< Il dolore è l’unico strumento che abbiamo per sviluppare la nostra forza. Ricordatelo quando dovrete affrontare situazioni che vi procureranno dolore

BRUCE LEE

Testi di riferimento:

“Zen quotidiano. Amore e lavoro” di Charlotte Joko Beck.

“La ricerca del ki” di Kenji Tokitsu.

Immagine di copertina presa dal web.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: