Epidemiologia del suicidio

Per suicidio (dal latino sui caedere, uccidere sé stessi) si intende l’atto col quale una persona si procura deliberatamente la morte.

Quando si parla di suicidio inevitabilmente l’espressione che si manifesta sul volto è quella del dispiacere, come un qualcosa che non dovrebbe esistere e che necessariamente è sinonimo di male assoluto, del peccato più grande. La forma più meschina ed egoistica come affronto alla vita stessa.

Mi sono interessato sin dall’inizio della pandemia Covid-19 a questo argomento, e adesso che siamo nel pieno della così detta FASE 3 mi sto accorgendo di alcune cose.

Cos’è il suicidio?

Il suicidio è il gesto autolesionistico più estremo, tipico in condizioni di grave disagio o malessere psichico, in particolare in persone affette da grave depressione e/o disturbi mentali di tipo psicotico. Esso può essere determinato anche da cause o motivazioni strettamente personali, ovvero eventi quali particolari situazioni esistenziali sfavorevoli, gravi condizioni economiche e sociali, abusi fisici e psichici, delusioni amorose, condizioni di salute o di non accettazione del proprio corpo, mobbing familiare, derisioni, bullismo e cyberbullismo.

Dal punto di vista medico-psicologico, numerosi dati di letteratura indicano che è sicuramente possibile prevenire il suicidio nella popolazione generale, riducendo drasticamente il numero di morti, attraverso opportune campagne di informazione e mediante programmi e centri di aiuto e assistenza. Sociologicamente il suicidio è stato analizzato in modo approfondito da Émile Durkheim, che ha individuato quattro tipi di suicidio collegati ai gradi d’integrazione e regolamentazione sociale: egoistico, altruistico, fatalista e anomico. https://it.wikipedia.org/wiki/Suicidio

Mi sembra chiaro, leggendo la presentazione del termine, che l’argomento è molto vasto. Come in molti altri casi i fattori di rischio scatenanti sono molteplici, e cosa ancor più evidente: è sempre un effetto a catena che si manifesta al suo culmine con un gesto estremo.

Considerato quanto espresso riguardo al significato del termine “suicidio” andiamo a vedere cosa accade in questo momento:

Suicidi in aumento, l’allarme arriva dal presidente dell’Osservatorio violenza e suicidio, lo psicoterapeuta Stefano Callipo. «Stiamo registrando tantissimi casi di suicidio in questo periodo, l’ultimo a Ragusa dove un commerciante padre di tre figli si è tolto la vita. Un picco che reputiamo importante, legato alle difficoltà economiche di questo periodo e che non riguarda solo gli imprenditori ma anche le singole famiglie. Purtroppo prevedo che questo picco tenderà ancora ad aumentare». Impossibile un vero raffronto ma i numeri parlano chiaro: su 40 suicidi avvenuti in Italia dall’inizio dell’anno, 25 almeno si sono verificati sotto il lockdown da parte non solo di imprenditori ma di semplici padri di famiglia in difficoltà o preoccupati rende noto l’Osservatorio. «Non cause depressive ma motivi economici è il dato che non va sottovalutato – ancora Callipo – non solo imprenditori che non possono riaprire ma anche famiglie normali che vivono questo blocco con sempre più difficoltà. Nella sola zona della provincia di Pisa si sono registrati quattro suicidi in dieci giorni, tra fine marzo e i primi di aprile».

Un’impennata secondo Callipo rispetto all’anno scorso dove comunque i numeri erano stati in calo. «Senza tener conto dei tentati suicidi, che restano per lo più sommersi. Anche nel Triveneto zona già normalmente soggetta al fenomeno si sono registrati altri casi, ma il rischio sta aumentando e scendendo anche al centro e al sud». La triste novità è che «il motivo economico è l’evento precipitante». Secondo il presidente dell’Osservatorio, «i costi psicologici che questa emergenza covid comporterà non vanno sottovalutati, prima di dimenticare avremo cicatrici da rimarginare e di cui ci accorgeremo dopo. Ma il rischio è una epidemia suicidaria, il fenomeno è in ascesa, ora la gente inizia a toccare con mano la crisi economica, una volta che riprenderanno molti si accorgeranno che non saranno nelle condizioni di riaprire. Anche la Caritas avverte che chi chiede aiuto si è triplicato ed è cambiata la tipologia di persone, 10 milioni di italiani sono a rischio povertà. Ripeto parlo di picco perchè la concentrazione di casi a grappolo c’è stata nella stessa zona e in un contesto di emergenza, come avvenne con il terremoto di Amatrice».
L’sos arriva dopo l’allarme lanciato dall’Oms, sulla base di un’analisi secondo cui la pandemia rischia di scatenare un massiccio aumento dei casi di malattia mentale.

https://www.ilmessaggero.it/salute/focus/covid_il_direttore_dell_osservatorio_sui_suicidi_impennata_di_casi_per_motivi_economici-5228165.html

E ancora:

L’esercito di oltre 280mila vittime ufficiali del coronavirus è solo la punta dell’iceberg. Non solo perché ci sono anche quelle “ufficiose”, un secondo esercito dai contorni incerti ma comunque enorme, sconosciuto alle statistiche del virus perché nel caos dell’emergenza non ha ottenuto né tamponi né diagnosi. In queste settimane, nei prossimi mesi e probabilmente nei prossimi anni, purtroppo, ai primi due eserciti di vittime se ne aggiungerà un terzo: quello dei suicidi. Dovuti alla disperazione per quarantene e lockdown, ma anche ai contraccolpi della peggior crisi economica degli ultimi settant’anni. Che in Paesi particolarmente fragili, come l’Italia, rischia di avere tempi lunghi e dolorosi.

[…]

L’Italia travolta dal coronavirus ha davanti a sé un periodo molto difficile. Uno studio della Link Campus University di Roma segnala tra il 2012 e il 2018 quasi mille suicidi legati a motivazioni economiche. Nei primi anni si trattava prevalentemente di imprenditori, poi soprattutto di disoccupati. Quest’anno l’Osservatorio suicidi per motivazioni economiche della Link Campus riporta 42 decessi, di cui 25 nelle settimane del lockdown forzato e 16 nel solo mese di aprile, ai quali si aggiungono 36 tentati suicidi, 21 dei quali nelle settimane di isolamento forzato. Più della metà delle vittime è costituita da imprenditori. «Questa impennata risulta ancora più preoccupante se confrontiamo il dato 2020 con quello rilevato appena un anno fa – sottolinea Nicola Ferrigno, direttore dell’Osservatorio – : nei mesi di marzo-aprile 2019 il numero delle vittime si assestava a 14, e il fenomeno dei suicidi registrava la prima battuta d’arresto dopo anni di costante crescita». Oggi gli imprenditori e i lavoratori sono di nuovo tornati all’anno zero.

https://www.ilsole24ore.com/art/isolamento-e-crisi-economica-ondata-mondiale-suicidi-coronavirus-ADPf7lP?refresh_ce=1

C’è chi chiama il suicidio anche “selezione naturale”. Ovviamente questo va detto sotto voce, vista l’influenza della chiesa cattolica a riguardo, che condanna l’atto del suicidio come peccato gravissimo.

Senza entrare nello specifico, che richiederebbe un libro a tema vista la vastità delle varie tipologie, trovo decisamente realistico associare questo fenomeno alle condizioni ambientali, come causa in primis degli effetti (basti osservare il tasso di suicidi classificati nelle varie parti del mondo) ed un regime di isolamento forzato a lungo termine come concausa.

Ci tengo a precisare, come puntualmente faccio ogni volta, che le mie idee sono solo personali e non hanno in alcun modo nessun riscontro scientifico. Detto questo mi interessa, con decisione, porre l’attenzione su quella che secondo me sarà una delle più importanti conseguenze del Covid-19. Una conseguenza che andrà a manifestarsi sempre con più maggiore decisione nel tempo a venire. Da questo a quello che sarà si aprirà un mondo.

Immagine di copertina presa dal web.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: